Gorgelous Interview. Francesco Dobrovich.

0 Posted by - gennaio 28, 2013 - Interviews
Pin on PinterestShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrShare on LinkedInEmail this to someoneShare on Google+Share on StumbleUpon

 

ph. Gloria Viggiani

Chi è: qualche riga di biografia

Nasco nel 1980 faccio parte di quella generazione i cui padri (noi) avranno giocato con i videogames quando erano bambini, che hanno sperimentato la riforma della scuola primaria, dell’università e subito quella del lavoro. Ho studiato scienze politiche internazionali a Roma, dove vivo e lavoro. Nel 2009 ho fondato NUfactory, dal 2010 dirigo OUTDOOR, Urban Art Festival.

fototessera

I was born in 1980. I belong to the generation that played videogames, that experimented the primary school reform, the university reform, and finally the labor reform. I got my degree in international politics in Rome, where I live and work. I founded NUfactory in 2009, and I have been the director of the OUTDOOR Urban Art Festival since 2010.

STEN&LEX

ph. Gloria Viggiani

• Il tuo Gorgelous Project?

Il progetto che amo di più è il primo che ho seguito e che mi tiene impegnato quotidianamente dal 2009. NUfactory è l’agenzia che ho fondato sull’idea di applicare le arti alla comunicazione e per lavorare alla promozione e produzione della cultura contemporanea, mettendo in campo le professionalità di un network ampio ed in continua evoluzione.

mencraft

ph. Daniela Pellegrini

My favorite project is the first I managed, and that keep me busy every day since 2009. NUfactory is the agency I built up on the idea of applying arts to communications and to promotion & production of contemporary culture, working with a huge and evolving experts network.

• Gorgelous Place?

Per un periodo ho vissuto a Parigi con un mio amico di sempre, avevamo un appartamento a rue de la roquette a Bastille, non eravamo mai soli.

paris1

I lived in Paris for a while together with a lifelong friend. We used to live in a small apartment in rue de la roquette, Bastille. We have never been alone there.

• Gorgelous Artistic Experience?

Ciò che mi ha segnato profondamente è stata casa di mia zia, una collezionista di strumenti musicali, amante della fotografia. La sua libreria, il suo archivio di diapositive sono stati pane per i miei occhi. Gli armadi con i vestiti del teatro, un mondo aggrovigliato in cui il disordine era apparente, sembrava di vivere in un quadro, di poter scoprire ogni giorno qualcosa di nuovo.

I was deeply inspired by my aunt’s house. She is a musical instruments collector, photographs lover. Her bookcase, her transparencies archive were my bread and butter for a long period. The wardrobes with the theatre costumes, a tangled world where the mess was just illusory. It was like living in a painting revealing something new every day.

• Gorgelous Encounter 

Resto impressionato molto spesso dagli incontri che faccio e quelli che mi sorprendono di più non arrivano sempre da persone che conosco. Spesso quando vivo uno stato d’animo particolare mi capita di incontrare qualcuno che riesce a fotografarlo ed a consigliarmi. Il giorno in cui persi il mio primo lavoro ad esempio il presidente mi prese e volle parlarmi, da allora non abbiamo più smesso di sentirci. Oppure quest’estate su una panchina di un comune dell’Appennino, un uomo di più di novant’anni, mi ha detto esattamente quello di cui avevo bisogno, capendo in pochi minuti il mio lavoro, le mie aspirazioni ed il mio carattere.

I’m often really impressed by the people I meet, the most amazing meetings are the ones with unknown people. Sometimes when I feel strange I meet someone who can seem to be able to photograph how I feel and give me suggestions. The day when I lost my first job, for example, I was called by the president for a chat. We never stopped to be in touch. Or last summer, while I was chilling on a bench of an Appenino village an over ninety year old man told me exactly what I needed to hear, understanding in a very short time what my job means, what are my expectations and how is my personality.

• Gorgelous Taste?

Adoro le alici sott’olio, con la mozzarella, una foglia di boragine, tra due fette di pane tostato.

taste

I love anchovies with mozzarella cheese and a “boragine” leaf between toasted bread.

• Gorgelous Memory?

Quando vinsi la borsa di studio Erasmus, fu la prima volta che mi allontanai da casa. Ci si sentiva europei, curiosi dell’altro. Questo mi diede una sensazione di freschezza, di consapevolezza nuova. A fine esperienza, i miei genitori vennero ad incontrarmi, erano passati mesi, a me sembravano anni, ci stringemmo in un forte abbraccio, non era mai stato così.

flags

ph. Guido Gazzilli

When I won the Erasmus scholarship. It was the first time I went far from my home. I felt European and curious, full of fresh vibes. At the end of this experience my parents came to visit me, a few months had passed, it felt like years to me. We strongly hugged each other, like never before.

• Gorgelous Moment? 

Il momento più bello per me è oggi, volevo essere quello che sono e sono ottimista sul mio futuro.

bike

The best moment for me it’s now. I wanted to be what I am now, and I’m optimistic about my future.

• Gorgelous Dream?

Avere delle persone che credano in me, dei figli che mi stimino.

Having people who trust in me, and children who appreciate me.

• This is Gorgelous! (Quello che ha fatto qualcun altro, ma che vorresti aver fatto tu.)

Ogni volta che qualcuno fa qualcosa di mio gusto vorrei averla fatta io. L’ultimo progetto a cui avrei voluto lavorare è “l’arte sospesa” di Tomas Saraceno Hangar Bicocca di Milano.

Saraceno

Every time someone does something I like, I wish I had made it by myself. Last project I wish I had worked on is “l’arte sospesa” by Tomas Saraceno Hangar Bicocca of Milano.

• Very personal (un pensiero, una parola, quello che vuoi.)

Solo una crescita culturale condivisa potrà essere duratura.

 

Only a shared cultural growth can be durable.