Eating design, visual culture & food storytelling.

Nessun risultato

La pagina richiesta non è stata trovata. Affina la tua ricerca, o utilizza la barra di navigazione qui sopra per trovare il post.

Let’s eat Chineasy!

Avevo deciso di studiare il cinese. E come sempre quando mi metto in testa una cosa prima o poi riesco a farla. Poi guardando le figurine che piacciono a me in giro mi sono imbattuta in questo progetto che fa al caso mio per tanti motivi: perché ha un bel design,...

Italian Ways. SENECA E LA PERUGINA: L’ARTE DEL BACIO

Federico Seneca (1891-1976), tra i massimi grafici pubblicitari europei del Novecento, collaborò con La Perugina (celebre marchio di prodotti dolciari italiani) dall’inizio degli anni Venti al 1933. La creazione più famosa dell’azienda alimentare fondata a Perugia è...

IL CIBO IMMAGINARIO

1950-1970 Pubblicità e immagini dell’Italia a Tavola 20 anni di pubblicità, 20 anni di modernità: dall’Italia povera dei primi anni’50, attraverso il boom economico e le speranze degli anni ’60, fino all’austerity obbligata. La mostra è ideata e curata da Marco...

May the fork be with you.

Illustrazione di mauro Gatti Mauro Gatti è direttore creativo di giorno per la sua agenzia Mutado e illustratore al calar della notte. Il suo lavoro è ricco di humour ed il suo stile semplice ed iconico si ispira all'illustrazione degli anni 60 e 70. E’ sempre in...

Du’ etti de sonetti

“Senti ‘n po’ se te piace?” I cippe ▶ custom player I cippe Quanno Iddio fece le femmine e li maschi, in tutte le capocce ce mettétte i microcippe: quello de la fame, de la sete, de le pippe, quello pé nun scambià fischi pé fiaschi, quello pé sapé quanto spenni e...

Du’ etti de sonetti

“Senti ‘n po’ se te piace?” 10 tali e quali ▶ custom player Tali e quali Dice che cià fatti a Sua immaggine e somijianza, ma ssì potessi parlà ccor mi’ Signore j’addommanerei, ccosì, senza rancore: «Ma ttù, ma ‘ndò ce ll’hai la panza? Divino, magari io pècco de...

Du’ etti de sonetti

"Senti 'n po' se te piace?" 09 'A prima parola▶ custom player ‘a prima parola Pur’io sò nato ner ber mezzo de ll’inverno. E appena che sò ‘scito da la panza, ho buttato là ‘n occhio ne la stanza, e ho visto mi’ madre da ll’esterno. Fin da subbito è stato amore eterno,...

Knitted heart. By Sarah Illenberger.

Sarah Illenberger is a multi-disciplinary artist based in Berlin working at the intersection of art, graphic design, and photography. With a focus on analog craftwork using everyday items, Sarah is renowned for creating vivid, witty images that open up new...

Camellia and the rabbit.

Camellia and the Rabbit a fantastic london based performance artists new solo show, performed by Rachel Snider. Costumes by Petra Storrs, a surrealistic multi-disciplinary, London-based artist whose acclaimed art direction explores elaborate set, fashion and costume...

21 Days Project. U come Unione.

UNIONE 1. " Nella sua metà, la mia metà riunisco". Ronsard: Les amours, CXXVII 2. E in quel riposo, trovandosi ad essere uno e senza divisione, senza divisione anche all'interno di sè, al punto che la loro intelligenza pareva smarrita, la loro memoria vuota, la loro...

21 Days Project. T come Tenerezza.

TENEREZZA Fruizione, ma anche inquieta valutazione dei gesti di tenerezza dell'oggeto amato, nella misura in cui il soggetto comprende che egli non ne ha il privilegio assoluto. 1. Non è solo bisogno di tenerezza, ma anche bisogno di essere tenero con l'altro: noi ci...

21 Days Project. S come Segni.

L'incertezza dei segni. SEGNI Sia che voglia dar prova del suo amore, sia che si sforzi di decifrare se l'altro lo ama, il soggetto amoroso non ha a sua disposizione nessun sistema di segni sicuri. 1. Io cerco dei segni, ma di che cosa? Qual è l'oggetto della mia...

Le sacre fritture

Il rapporto con il fritto è conflittuale per cottura. Lo stomaco lo ama, il fegato lo odia, il resto del corpo lo guarda con sospetto: sull’olio si scivola. I fritti si respingono con la forza della temperanza e si adorano con la debolezza della gola. Il peccato...

Moana Pizza

La pizza è bona, senza U. Buona è una parola moralmente composta, pudica e priva di saliva. Bona invece sveglia gli istinti, allarga le narici. Buona è bianca, Bona è rossa. Buono sa dunque di pane, Bono invece sa di pizza. La pizza e il sesso sono simili perché sono...

Le zucchine tribolate

Lui ti ha fatto incazzare. Si sa che certi giorni le pareti della cucina potrebbero essere sostituite dalle corde del ring, sarebbe più appropriato, anche senza guanti da boxe, ci sono quelli di gomma per lavare i patti che vanno bene lo stesso. La cucina è il luogo...

Quando la danza incontra la farina.

Dopo il miele ecco la farina. Il fotografo russo Alexander Yakovlev amplifica l'energia del corpo con nuvole di farina. Molto Gorgelous. via...

E se il cielo si riempie di lucciole.

Ero ospite da amici in campagna, ai margini di un bosco e in lontananza si vedeva il mare. Non c'era luce, solo il fuoco su cui si scaldavano i testi per i Panigacci*. Ad un certo punto il mio cielo si è riempito di lucciole. Non una, non dieci, mille lucciole. E...

Gelatine con forte personalità. The “Jelly film”.

“The Jelly Film” by Jenny van Sommers Le gelatine hanno una propria personalità. Quella in basso a destra è un po’ shoe-gazer. Poi c’è quella super estroversa in alto a destra. Quella arancione è sempre di buonumore. E quella marrone è come quelle persone che stanno...

Sale

di Umberto Pavoncello ...Fuggi per la tua vita. Non guardare indietro e non fermarti in mezzo alla valle... ... Ora la moglie di Lot guardò indietro e divenne una statua di sale... Genesi XIX, 17, 26 Quando Dio annuncia ad Abramo che ha intenzione di distruggere...

Sogni

di Umberto Pavoncello Giacobbe, in fuga dopo le minacce del fratello Esaù a cui ha sottratto la primogenitura e la benedizione paterna, angosciato per la sua condizione di estrema precarietà e vulnerabilità, si ferma in un luogo imprecisato per dormire, raduna delle...

Pin on PinterestShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrShare on LinkedInEmail this to someoneShare on Google+