Gorgelous Interview. Johnny.

Gorgelous Interview. Johnny.

Johnny , chef di Shinto, sushi restaurant, Jaguar Lounge, in Via Ludovisi 39 a Roma.

Ha scritto il suo cognome sulla mia Moleskine, Tanyono, o Liu Kha Fi in cinese. Ma è solo Johnny per tutti. Il nome Shinto letteralmente significa “città nuova”, nasce da Shintoismo che significa “cammino verso la luce”. Shinto è un nuovo modo di intendere il sushi, che diventa la sintesi di gusti orientali e sapori occidentali, in un mix di creatività e continua sorpresa. Sono stata in dubbio se raccontare la storia di Johnny in Gorgelife o farne un’intervista. Ma poiché è nata così, non ho voluto tradire le intenzioni.

• Gorgelous Project

La continua ricerca sull’innovazione che facciamo in questo posto.

• Gorgelous Place

Sidney. Mi ci hanno mandato da solo a 9 anni. Sono cresciuto lì anche professionalmente.

• Gorgelous Art

Le arti marziali. Più ancora della cucina. Pratico Lam pak panda, una disciplina del Kungfu. Le arti marziali sono confidenza, espressione, meditazione, disciplina. Come in cucina. Tutta passione e principi.

• Gorgelous Person/Incontro

Antonello, il manager di Shinto. Senza di lui tutto questo non sarebbe possibile.

• Gorgelous Taste

Agrodolce

• Gorgelous Memory

Il matrimonio, che mi ha portato in Italia, nel 2005.

• Gorgelous Moment

Avevo 14 anni, lavoravo come aiuto cuoco nel mio primo ristorante, Edna’s Table a Sidney. Dovevo tagliare noci tutto il giorno, e puntualmente mi tagliavo le dita. Un giorno lo chef mi chiese: “Ma ti piace tagliarti le dita?”. Da quel momento ho studiato come usare un coltello, adesso taglio tranquillamente con una mano e 4 coltelli. Sai come mi chiama la comunità cinese? Il re del coltello.

Mi ricordo lo schiaffo dello chef per cui lavoravo quando, di fronte ad un filetto (In Australia si cucinano filetti da 220/250 grammi), mi chiese di valutarne la cottura. Non ne avevo idea, spiai la comanda. Partì lo schiaffo. Una volta ho messo il sale nella crema. Ero responsabile di dolci e antipasti…

Ho girato il mondo sempre da solo, da quando avevo nove anni. Ora sono sei anni che sono qua e mi sono attaccato a questo paese. Mio padre era malesiano, mia madre indonesiana. A nove anni mi hanno spedito a scuola in Australia, poi ho cominciato a lavorare 20 ore al giorno. Pelavo patate. Poi ho fatto un anno di scuola di cucina e dopo, 6 mesi di esperienza senza stipendio.

• Gorgelous Dream

Lavorare su una nave da crociera.

• This is gorgelous! (quello che ha fatto un altro e avresti voluto aver fatto tu. ndr)

Il mio sogno era lavorare da Tetsuya’s a Sidney , un posto da 800 dollari a persona: “sei troppo giovane” mi ha detto lo chef. Sogno infranto.

• Very personal.

Vorrei imparare di più. In Australia eravamo 30 chef in ogni cucina. Era un continuo imparare. Qui non è così.

…………………………………………………………………………………

Johnny, Shinto’s chef, sushi restaurant, Jaguar Lounge, 39, Via Ludovisi in Rome.

He wrote his name on my Moleskine, Tanyono, or Kha Fi Liu in Chinese. But he’s Johnny for everybody. The name Shinto literally means “new city” was inspired by Shintoism, which means “journey to the light.” Shinto is a new way of intending sushi, which becomes the synthesis of Eastern and Western flavors, in a mix of creativity and constant surprise. I was in doubt whether to tell the story of Johnny in Gorgelife or to make an interview.

• Gorgelous Project

That continuous research on innovation that we do here at Shinto. 

• Gorgelous Place

Sidney where I’ve grown up.

• Gorgelous Art

The martial arts. More than cooking. I practice Lam pak panda, a discipline of Kungfu. The martial arts mix confidence, expression, meditation, discipline. As in the kitchen. Full of passion and principles.

• Gorgelous Person/Encounter

Antonello, the manager of Shinto. Without him nothing would be possible.

• Gorgelous Taste

Bitter-sweet

• Gorgelous Memory

The marriage, which took me to Italy, in 2005.

• Gorgelous Moment

I was 14, I worked as an assistant cook in my first restaurant, Edna’s Table in Sydney. I had to cut nuts all day, and promptly cut my fingers. One day the chef asked me: “But do you really like to cut your fingers?”. From that moment I learned how to use a knife, cut easily with one hand now, and 4 knives. Do you know how the Chinese community calls me? The king of knives. I remember the slap of the chef I used to work with, when faced with a fillet (in Australia we cooked fillets from 220/250 grams), asked me to evaluate the cooking. I had no idea, I tried to read. He left the slap. Once I put salt in the cream. I was in charge of desserts and appetizers …

I have always travelled the world alone, since I was nine years old. After six years in Italy I feel linked to this country. My father was Malaysian, my mother Indonesian. At nine I was sent to school in Australia, then I started working 20 hours a day. I skinned potatoes. Then I did a year of cooking school and later on 6 months of experience without being paid.

• Gorgelous Dream

Working on a cruise ship.

• This is gorgelous! (a project that somebody else did, and you wish you’ve done, ed)

My dream was to work in Tetsuya’s in Sydney, a place to $800 per person: “you’re too young,” the chef said. My broken dream.

• Very personal

I would like to learn more. In Australia we were 30 chefs in our kitchen. There was a constant learning. Here it is not.

Gorgelous Interview. Gianfranco Pascucci

Gorgelous Interview. Gianfranco Pascucci

Gianfranco Pascucci è lo chef che anima il ristorante Pascucci al Porticciolo a Fiumicino. La sua cucina partendo dalla ricerca sulle materie prime e sul pescato del territorio si è evoluta nel corso degli anni grazie alle moderne tecniche di cucina. Insignito della prestigiosa stella Michelin nel 2012 ha due forchette nella Guida Gambero Rosso e 15,5/20 sulla Guida Ristoranti L’Espresso.

• Gorgelous Project

Il mio ristorante, una realtà che sto costruendo giorno per giorno. In senso più assoluto è la ricerca del gusto.

• Gorgelous Place

Una casa in Sardegna, accanto al mare dove fare windsurf. Il posto non ve lo dico, i windsurfer non svelano i loro segreti!

• Gorgelous Art

Senza dubbio Dalì. Le sue suggestioni sono fonte d’ispirazione continua. (In mostra fino al 1° luglio al Vittoriano a Roma – ndr)

• Gorgelous Person/Incontro

Vanessa, mia moglie, che ogni giorno mi accompagna nel mio percorso di vita e di lavoro.

• Gorgelous Taste

Il pesce, in ogni sua forma.

• Gorgelous Memory

Mia nonna che faceva gli gnocchi mentre io facevo il buco per il sugo

• Gorgelous Moment

Un momento quotidiano: la sera.

• Gorgelous Dream

Cucinare direttamente sopra il mare.

• This is gorgelous! (quello che ha fatto un altro e avresti voluto aver fatto tu. ndr)

Troppe cose, con un pizzico di invidia vorrei aver fatto io tutto quello che mi emoziona.

• Very personal.

Una ricetta segreta, quella che mi consente di cercare la felicità e la serenità in tutto quello che faccio.

…………………………………………………………………………………

Gianfranco Pascucci is the chef that animates the restaurant  Pascucci al Porticciolo in Fiumicino. His cousine starting from the research on raw material and territory has evolved over the years thanks to modern cooking techniques. Awarded the prestigious Michelin star in 2012, has two forks in the Gambero Rosso Guide and 15.5 / 20 in the L’Espresso Restaurant Guide.

• Gorgelous Project

My restaurant, this reality I’m bulding day by day. In a more absolute way the pursuit of taste.

• Gorgelous Place

An house in Sardinia, near the beach were windsurfing. I’ll note tell you the place, windsurfers never reveal their secrets!

• Gorgelous Art

No doubt, Dali. His suggestions are an endless source of inspiration. (On display until July 1st at Vittoriano in Rome – ed)

• Gorgelous Person/Encounter

Vanessa, my wife, who accompanies me every day in my path in life and work.

• Gorgelous Taste

The fish, in all its forms.

• Gorgelous Memory

My grandmother making gnocchi while I made the hole for the sauce.

• Gorgelous Moment

A daily moment: the evening.

• Gorgelous Dream

Cooking directly over the sea.

• This is gorgelous! (a project that somebody else did, and you wish you’ve done, ed)

Too many things, with a hint of envy I wish I had done everything that moves me.

• Very personal

A secret recipe, one that allows me to pursue happiness and serenity in everything I do.

Gorgelous Interview. Antonio Monda.

Gorgelous Interview. Antonio Monda.

Antonio Monda, scrittore e giornalista, scrive per la Repubblica ed è docente presso la New York University. Il suo primo libro sul cinema americano, La Magnifica Illusione, ha vinto nel 2003 L’Efebo D’oro come miglior testo sul cinema.  Ha ideato e dirige un festival letterario –  Le conversazioni – che si tiene ogni anno a Capri e a New York.

Vive a New York da diciotto anni. Nella sua casa di Manhattan si ritrovano tutti i personaggi più importanti della cultura newyorkese. I suoi libri sono tradotti in numerosi paesi e L’america non esiste è il suo ultimo romanzo.

• Gorgelous Project

Ho dedicato gli ultimi tre anni al mio ultimo libro, L’America non esiste, che è un atto d’amore per la città in cui vivo, che è New York.

 

• Gorgelous Place

New York. E poi Capri.

 

• Gorgelous Art

I quadri di L’america non esiste. E quelli di Hopper. Nel romanzo cito esplicitamente “La Primavera”; senza nominarlo “New York movie” e descrivo un ambiente esattamente come “Nighthawks”.

• Gorgelous Person/Incontro

Al di là di mia moglie ovviamente…

Isaac Bashevis Singer, uno dei più grandi scrittori del novecento. Ho imparato molto da lui, e sto imparando ancora adesso.

 

• Gorgelous Taste

La mozzarella di Bufala. Anche se qui non è mai fresca come in Italia.

 

• Gorgelous Memory

Quei pomeriggi con i miei fratelli cugini a Lorica nella Sila.

 

• Gorgelous Moment

Nell’ottobre del 1979, la prima volta che sono arrivato a New York. Era pomeriggio tardi, c’era ancora la luce del sole che tramontava, le luci della città erano già accese. In quel preciso momento mi sono reso conto che quello era luogo dove avrei vissuto.

 

• Gorgelous Dream

Una vecchiaia serena in costiera amalfitana.

 

• This is gorgelous!(quello che ha fatto un altro e avresti voluto aver fatto tu. ndr)

Il Guggenheim di New York. E i quadri di Botticelli.

 

• Very personal.

Gershwin.

…………………………………………………………………………………

Antonio Monda, writer and journalist, writes for La Repubblica, and teaches in the Film Department at New York University. His first book on American Cinema, The Magnificent Illusion, won the 2003 Golden Efebo  as the best book on cinema. He created and directs a literary festival – Conversations – which is held every year in Capri and New York.

He has been living in New York for 18t years. At his large table, in his Manhattan apartment, meets the creme of New York cultural. His book are translated in several languages. L’america non esiste is his latest book,

• Gorgelous Project

I spent the last three years on my latest book, America does not exist, that is an act of love for the city where I live, New York.

• Gorgelous Place

New York. And then Capri.

• Gorgelous Art

Botticelli’s paintings. And Hopper’s. In the book I mention explicitely “La Primavera” and, without naming it “New York movie” . And a location that I describe is exactly “Nighthawk”.

• Gorgelous Person/Encounter

Beyond my wife of course …

Isaac Bashevis Singer, one of the greatest writers of last century, I learned a lot from him, and I’m still learning.

• Gorgelous Taste

Mozzarella di Bufala. Although here is not as fresh as in Italy.

• Gorgelous Memory

Those afternoons with my brothers and cousins in Lorica in the Sila mountains.

• Gorgelous Moment

In October 1979, my first time in New York. It was late afternoon, there was still the light of the setting sun, the city lights were already lit. In that precise moment I realized that this was the place where I would have lived.

• Gorgelous Dream

A peaceful old age in Costiera Amalfitana.

• This is gorgelous! (a project that somebody else did, and you wish you’ve done, ed)

The Guggenheim in New York. And Botticelli’s paintings.

• Very personal

Gershwin.

Gorgelous Interview. Paolo Barichella.

Gorgelous Interview. Paolo Barichella.

Ho incontrato Paolo Barichella, food designer, per un’intervista-aperitivo stile Gorgelous. Abbiamo iniziato a fare progetti su un tovagliolo di carta. Se guardo indietro i progetti migliori che ho fatto sono sempre nati su tovaglioli di carta, di fronte a un bicchiere di vino rosso, segno che le idee hanno bisogno di carburante e di quello buono.

• Gorgelous Project

Test&Taste. (www.testaste.com)

Riunisce tutti i progetti a cui sono più legato, Coffee design kit, Coffee Design Store, Cucina Efficace, Express Your Food. Puoi comporre la tua esperienza food standing, da self service a self-made.

• Gorgelous Place

San Gimignano. Se voglio star bene, vado lì.

• Gorgelous Art

Teoria del campo. Di Attilio Marcolli.

• Gorgelous Person/Incontro

Elio Fiorucci

• Gorgelous Taste

Carbonara.

• Gorgelous Memory

I miei figli.

• Gorgelous Moment

Quando è nato il mio primo figlio: sono uscito improvvisamente dal mio corpo. Guardavo la situazione dall’alto e mi scoprivo padre.

• Gorgelous Dream

Continuare a fare quello che faccio.

• This is gorgelous! (quello che ha fatto un altro e avresti voluto aver fatto tu. ndr)

Moscardino di Giulio Iachetti

• Very personal

Mi piacerebbe arrivare a fare la metà di quello che ha fatto Henry Ford. E non parlo di capitali!

………………………………………………………………………………………

I met Paolo Barichella, food designer, for a glassofwine-interview, Gorgelous style. We started making plans on a paper towel. If I look back through my life the best projects I have done are always born on napkins, in front of a glass of red wine, a sign that ideas need fuel and a good one.

• Gorgelous Project

Test & Taste. (www.testaste.com)

It brings together all the projects I’d loved most, design kits Coffee, Coffee Design Store, Kitchen Efficient, Express Your Food. You can compose your own food, standing experience, from self-service to self-made.

• Gorgelous Place

San Gimignano. If I want to feel good, I go there.

• Gorgelous Art

Field theory. By Attilio Marcolli.

• Gorgelous Person/Encounter

Elio Fiorucci

• Gorgelous Taste

Carbonara

• Gorgelous Memory

My children.

• Gorgelous Moment

When my first son was born: I suddenly released from my body. I looked at the situation from above my head and I discovered I’d become father.

• Gorgelous Dream

To continue to do what I do.

• This is gorgelous! (a project that somebody else did, and you wish you’ve done, edit)

Moscardino by Giulio Iachetti

• Very personal

I’d get to do half of what Henry Ford did. And I do not speak of capital!

www.barichella.it

www.fooddesign.it

Gorgelous Interview. Jacopo Fo.

Gorgelous Interview. Jacopo Fo.

 

Chi è: Jacopo Fo, scrittore, attore, regista e fumettista italiano. È il fondatore della rivista Cacao ora anche online, abbinata al progetto della Libera Università di Alcatraz da lui lanciato nel 1979.

 

Dieci domande gorgelous, per dieci risposte straordinarie.

 

• Il tuo Gorgelous Project?

L’Ecovillaggio solare di Alcatraz

• Gorgelous Place?

Questo, sto qui da 20 anni.

• Gorgelous Artistic Experience?

Recitare coi miei in Ubu Bas va alla guerra. (Dario Fo, Franca Rame, Jacopo Fo: Ubu Bas va alla guerra. La vera storia dell’invasione dell’Afghanistan e dell’Iraq. ndr)

• Gorgelous Encounter?

Patch Adams

 

• Gorgelous Taste?

Pollo alla Kiev*

• Gorgelous Memory?

A tre anni quando sceso a piedi da una montagna con papà.

• Gorgelous Moment?

La nascita di mio figlio.

• Gorgelous Dream?

Fare un film.

• This is Gorgelous! (Quello che ha fatto qualcun altro, ma che vorresti aver fatto tu.)

Arduo risponderti

• Very personal (un pensiero, una parola, quello che vuoi.)

Meglio un sorriso.

 

Pollo alla Kiev*

– 1 spicchio d’aglio finemente tritato

– 1 cucchiaio di prezzemolo tritato

– 1 cucchiaio di origano tritato

– sale e pepe

– 4 petti di pollo, senza pelle e disossati

– 85 g di pangrattato

– 3 cucchiai di grana grattugiato

– 1 uovo sbattuto

– 250 ml di olio di semi per friggere

– fette di limone e prezzemolo per guarnire

Descrizione:

1 Mescolare il burro con l’aglio, poi unirvi le erbe aromatiche, salare e pepare. Appiattire in modo uniforme i petti di pollo con il batticarne, porvi al centro 1 cucchiaio di burro aromatizzato, quindi ripiegarli su se stessi e fissarli con uno stecchino di legno

2 Mescolare il pangrattato con il grana, quindi immergere i fagottini di pollo prima nell’uovo sbattuto e poi impanarli con il pangrattato. Trasferire su un piatto, coprire e mettere in frigorifero per 30 minuti. Togliere il pollo dal frigo e ripassarlo una seconda volta nell’uovo e nel pangrattato

3 Versare in un tegame olio sufficiente a ricoprire il pollo e scaldarlo a 180-190 °C o al punto in cui immergendovi un pezzetto di pane questo si abbrustolisce in 30 secondi. Friggere il pollo per 5 minuti, finché non sarà cotto, poi scolarlo su carta da cucina

…………………………………………….

Who is: Jacopo Fo is an italian writer, actor, director and cartoonist.

He is the founder of the magazine Cacao which led later to the web combined with the project of the Free University of Alcatraz which he launched in 1979.

Ten gorgelous questions, for ten extraordinary answers.

• Your Gorgelous Project?

The Solar Ecovillage of Alcatraz

• Gorgelous Place?

This, have been here for 20 years

• Gorgelous Artistic Experience?

Acting with my parents in Ubu Bas goes to war. (Dario Fo and Franca Rame, Jacopo Fo: Ubu Bas goes to war. The true story of the invasion of Afghanistan and Iraq.)

• Gorgelous Encounter?

Patch Adams

• Gorgelous Taste?

Chicken Kiev *

• Gorgelous Memory?

At three years old when I walked down from a mountain with my father.

• Gorgelous Moment?

The birth of my son

• Gorgelous Dream?

Making a film.

• This is Gorgelous! (What someone else did, but you wish you had done.)

Difficult answer.

• Very personal (a thought, a word, what you want.)

Better a smile.

Chicken Kiev *

– 1 clove garlic, finely chopped

– 1 tablespoon chopped parsley

– 1 tablespoon chopped oregano

– Salt and pepper

– 4 chicken breasts, skinless and boneless

– 85 g of breadcrumbs

– 3 tablespoons grated Parmesan cheese

– 1 egg, beaten

– 250 ml of oil for frying

– Lemon slices and parsley for garnish

Description:

1 Mix the butter with the garlic, then add herbs, salt and pepper. Flatten evenly the chicken breasts with a meat mallet, put in the center 1 tablespoon of flavored butter, then fold them and secure with a toothpick

2 Mix the breadcrumbs with the Parmesan cheese, then dip the dumplings of chicken first in egg and then in the breadcrumbs. Transfer to a plate, cover and refrigerate for 30 minutes. Remove the chicken from the refrigerator and dip it a second time in the egg and breadcrumbs

3 Pour oil into a pan enough to cover the chicken and heat to 180-190 ° C or soaking to the point where putting a piece of bread it browns in 30 seconds. Fry the chicken for 5 minutes, until it is cooked, then drain on paper towels.

Gorgelous Interview. Artusi.

Gorgelous Interview. Artusi.

 

Chi è:

Pellegrino Artusi, autore de “La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene“, nacque a Forlimpopoli il 4 agosto 1820.

 

• Gorgelous Project

La Scienza in Cucina e l’Arte di Mangiar Bene, un libro con una storia che rassomiglia alla storia di Cenerentola.

• Gorgelous Place

Casa Artusi a Forlimpopoli un centro di irradiazione della cultura gastronomica eretto in mio onore.

• Gorgelous Art

I Sepolcri di Ugo Foscolo.

• Gorgelous Person/Incontro

Il professor Paolo Mantegazza, con quell’intuito pronto e sicuro che lo distingueva, conobbe subito che quel mio lavoro qualche merito lo aveva, potendo esser utile alle famiglie; e, rallegrandosi meco, disse: – Col darci questo libro voi avete fatto un’opera buona e perciò vi auguro cento edizioni. – Troppe, troppe! – risposi – sarei contento di due.

• Gorgelous Taste

Cappelletti all’uso di Romagna.

• Gorgelous Memory

La cucina della mia casa in Piazza Dalmazia a Firenze dove ho provato e riprovato più volte i piatti che compongono il manuale.

• Gorgelous Moment

La prima volta che mi sono avvicinato ai fornelli.

• Gorgelous Dream

Qualcuno un giorno scriverà: “La Scienza in cucina ha fatto per l’unificazione nazionale più di quanto non siano riusciti a fare i Promessi sposi”.

 • This is gorgelous!

Leggere il mio ricettario sull’iPad.

• Very personal

A casa non cucino io, ho una cuoca, si chiama Marietta Sabatini.

……………………………………………………….

• Gorgelous Project

Science in the Kitchen and the Art of Eating Well, a book with a story that resembles the story of Cinderella.

• Place Gorgelous

Casa Artusi at Forlimpopoli a center of spreading food culture erected in my honor.

Gorgelous Art

I Sepolcri by Ugo Foscolo.

• Gorgelous Person / Encounter

Professor Paolo Mantegazza, quick and safe with that intuition which distinguished him, he knew immediately that my work had some merit, could be useful to families, and, rejoicing with me, said: – With this book you did give us a good thing, I wish you good work and one hundred editions. – Too many, too many! – I said – I would be happy with two.

Gorgelous Taste

Cappelletti, Romagna’use.

• Gorgelous Memory

The kitchen of my house in Piazza Dalmazia in Florence, where I tried and tried several times the plates that make up the manual.

• Gorgelous Moment

The first time I approached the kitchen.

• Gorgelous Dream

Someone one day will write: “The Science in the kitchen made ​​for national unification more than they have been able to make i Promessi sposi”.

• This is gorgelous!

Read my book on iPad.

• Very personal

At home I do not cook, I have a cook, her name is Marietta Sabatini.