“Senti ‘n po’ se te piace?”

L’osteria del tempo perso ▶ custom player

A ll’osteria

Oste, èssi bbôno, me porti ‘na fojietta.[1]
Mma ffaccia ccò carma, ch’io nun ciò fretta.
Si je sta bene m’assetto cquì, zitto zitto,
senza fà gnente de ché, guardo ‘r soffitto.

Intanto me godo ‘st’odorino de soffritto
e lasso che ‘r tempo, passànno, tiri dritto.
Senti cquà come se stà, senti ch’arietta,
me faccia ‘r piacere, me sveji tra ‘n’oretta.

Poi fra ‘n par d’ore me porta da magnà?
Prenderebbi primo, seconno e terzo.
Ma nun se sbrighi, oste mio, ppé carità,

ch’a magnà veloce me va ttutto de traverzo.
E si ciavevo prescia nun venivo mica quà,
a perde tempo all’Osteria del Tempo Perzo.


[1] Fojietta. Mezzo litro di vino.


Sonetto di Filippo Santi
Musica di Riccardo Cimino
Legge Marco Carnevale
Suonano Riccardo Cimino e Alessandro Sciortino

……………………………………………………………………………………………………

A-ll'osteria OSTERIA