“Senti ‘n po’ se te piace?”

Er peccato origginale ▶ custom player

Er peccato origginale

Sai che nun me quadra der peccato origginale?
È sta faccenna der frutto provibbito.
Ce credevo de ppiù si cquella tradiva su’ marito
che ne sò, ppé ‘na costoletta de maiale.

Oppure ppé ‘n bber pezzo de bollito
o ppé ‘na gricia fatta cór guanciale,
mma puro du’ alicette sotto sale
o cquattr’etti de preciutto saporito.

Potevo capì ssi se trovava a ttupperttù
co’ ‘n ber pezzo de parmiggiano
o co’ ‘na tejia de lasagne cor ragù.

Capivo si cedeva pe ‘na pizza fatta a mano,
pe’ ‘na crostata o ppé ‘n tiramisù.
Ma ddiocaro, pe’ ‘na mela tutto sto baccano?

 

Sonetto di Filippo Santi
Musica di Riccardo Cimino
Legge Marco Carnevale
Suonano Riccardo Cimino e Alessandro Sciortino

……………………………………………………………………………………………………

Er-peccato-origginale