di Orsola Ciriello Kogan

L’Olio extravergine d’oliva, prezioso ingrediente, prodotto simbolo della dieta mediterranea e parte integrante dell’economia italiana e locale, ha nel Lazio 4 dop, 300 moliture artigianali e tanti esempi d’eccellenza, e’ stato il protagonista della Festa di Primavera, organizzata dal Gambero Rosso presso la Città del Gusto, su iniziativa dell’Arsial, (Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l’Innovazione dell’Agricoltura del Lazio), in collaborazione con Unaprol, (Consorzio Olivicolo Italiano) e l’associazione Uliveti del Lazio.

L’evento rientra in un ampio programma d’iniziative che coinvolge istituzioni, associazioni dei produttori, mondo della ristorazione, per comunicare e trasmettere l’emozione che suscita la qualità italiana e per dare maggiore visibilità a prodotti provenienti da una filiera tutta regionale.

La giornata è stata caratterizzata da una degustazione guidata d’olio extravergine d’oliva, seguita da un menu degustazione dello chef Antonello Colonna con piatti preparati da due giovani chef Marco Martini e Adriano Baldassarre, tutti piatti dove l’olio è stato il vero protagonista, talvolta inaspettato, come nel gelato all’olio extravergine d’oliva con minestra di frutti rossi.

Si e’ parlato di territorio, di salute, di turismo, di come poter consumare quest’emozione in loco, ma anche di costi, di tracciabilità dalla materia prima al prodotto finito, di trasparenza per poter assicurare un autentico Made in Italy, di sicurezza e di prezzi al pubblico e, con una punta d’amarezza, e’ stato fatto l’esempio di una nota marca che sta promuovendo la bottiglia d’olio da 750mL a 0,99 centesimi.

Diario del Web ~ Olio, da Coldiretti, Symbola e Unaprol una proposta di legge per la qualità e la trasparenza

A questo punto la domanda sorge spontanea: ma cosa c’è nella bottiglia? Molti se lo saranno chiesti, ma qualcuno ha risposto?

Intanto arrivano i fondi dall’UE.

viniesapori.net ~ Catania: dall’Unione Europea 108 milioni di euro per l’olio d’oliva italiano nei prossimi tre anni

………………………………………………………………………..

by Orsola Ciriello Kogan

The extra virgin olive oil, a precious ingredient, product symbol of the Mediterranean diet and an integral part of the Italian economy and local, in the Lazio region has 4 dop, 300 moliture crafts and many examples of excellence, has been the star of the Spring Festival, organized by the Gambero Rosso at la Città del Gusto, on the initiative dell’Arsial, (Regional Agency for Development and Innovation of Lazio), in collaboration with Unaprol (Italian Olive Consortium) and the association Uliveti Lazio.

The event is part of a broader program of initiatives involving institutions, associations of producers, the restaurant world, to communicate and convey the emotion aroused by the Italian quality and to give greater visibility to products from a regional chain.

The day was characterized by a guided tasting of extra virgin olive oil, followed by a show cooking prepared by chef Antonello Colonna and performed by two young chef Marco Martini and Adriano Baldassarre, all dishes where oil was the real star sometimes unexpected, as in extra virgin olive oil ice cream with red fruit soup.

Yes, we’ve been talking of land, health, tourism, of how to consume this emotion locally, but also of the costs of traceability from raw material to finished products, and transparency in order to ensure an authentic Made in Italy, security and prices to the public, with a hint of bitterness, when they made an example of a famous brand that is promoting the 750mL bottle of oil at 0.99 cents.

Diario del Web ~ Oil, by Coldiretti, Symbola, Unaprol and a proposal for the quality and transparency

At this point the question arises: what’s in the bottle? Did anyone reply?

Meanwhile, the funds come from the EU.

viniesapori.net ~ Catania: 108 million euros by the European Union for Italian olive oil over the next three years

Photo by Gorgelous